Press

The Most Interesting Press Releases
January 29, 2010

La Gazzetta dello Sport – Raptors Vs Knicks

“Derby italiano” ai Raptors
tanta grinta per Belinelli

“Derby italiano” ai Raptors…

… e tanta grinta per Belinelli

NEW YORK, 29 Gennaio 2010 – Nel primo match della storia della Nba con tre italiani in campo i Raptors alla fine hanno la meglio sui Knicks 106-104. Toronto, infatti, conquista, sempre al Madison Square Garden, anche il secondo derby della stagione. Dopo un primo quarto dominato dalla squadra di casa i canadesi risalgono la china e centrano il successo giocando un ottimo ultimo quarto.
MENEGHIN IN TRIBUNA — C’è anche Dino Meneghin sulle tribune del Garden. Il presidente federale è a New York per sondare l’umore dei tre azzurri i quali comunque hanno tanta voglia di Nazionale. Ma non c’e’ solo il lavoro, l’occasione di una rimpatriata con Mike D’Antoni (“Non ci vediamo spesso ma quando lo facciamo sembra che il tempo non sia passato”) è sempre qualcosa di speciale. Il derby inizia nel segno del Gallo. Il primo canestro dal campo dei Knicks lo produce (con una tripla) proprio Danilo Gallinari. Nei primi minuti la squadra newyorchese gioca decisamente meglio. David Lee domina sotto canestro, Gallinari, con un’eccellente penetrazione, firma una giocata da tre punti trovando il fallo di Jarrett Jack, i Knicks così arrivano al vantaggio in doppia cifra. La seconda tripla del Gallo porta i Knicks al +13, un Andrea Bargnani in non perfette condizioni fisiche, invece, fa fatica in attacco. Nel primo derby della stagione il quarto d’apertura era stato appannaggio di un sontuoso Bargnani, mentre Gallinari aveva impiegato un po’ di minuti a ingranare.
MAGO IN DIFFICOLTA’ — Le cose cambiano radicalmente nella seconda sfida di gennaio tra Raptors e Knicks. Il Mago, infatti, chiude la frazione iniziale con 0/5 dal campo, Gallinari, invece, è perfetto dal campo: 3/3 per nove punti. A 2’16’’ dalla fine del quarto arriva il momento storico per il basket italiano. Entra Marco Belinelli, che aveva saltato la partita del 15 gennaio per un forte attacco influenzale. Ci sono così tre italiani su un parquet Nba, una bella soddisfazione per tutto il movimento cestistico azzurro. I padroni di casa chiudono il primo quarto avanti 34-20 (ottimo 62% dal campo per i Knicks) ma Toronto, grazie anche all’intensità di un motivatissimo Marco Belinelli, torna sotto piazzando un parziale di 11-2. Beli fallisce due conclusioni dal perimetro ma la sua esuberanza è contagiosa e i Raptors fanno sentire il fiato sul collo ai Knicks. La tripla di Gallinari è subito compensata dal primo canestro di Bargnani (condito dal fallo, ma l’azzurro fallisce il libero), Toronto comunque torna prepotentemente nel match e va al riposo con sole quattro lunghezze di ritardo (53-49).
MINUTI BELI — La compagine canadese parte bene nella ripresa segnando i primi sei punti del terzo quarto. Andrea Bargnani si vede fischiare il suo quarto fallo dopo un paio di minuti ed è costretto a tornare in panchina. Nel terzo quarto così gli italiani fanno i comprimari. Gallinari realizza un bel canestro dopo un rimbalzo in attacco, Belinelli regala alcuni buoni minuti a Jay Triano ma la frazione appartiene a un eccellente Hedo Turkoglu. Il turco cambia marcia, cerca costantemente la penetrazione e firma 14 punti nella frazione. Nate Robinson e Lee rispondono e i Knicks rimangono davanti (81-79) anche a fine terzo quarto. In apertura di quarto periodo Jose’ Calderon (che sembra sempre esaltarsi al Garden) e Chris Bosh producono il parziale di 10-2 che porta davanti la squadra canadese. Toronto tenta di scappare via ma i Knicks non ci stanno. Il match diventa decisamente intenso, il Garden apprezza. Ci pensa Al Harrington con sei punti consecutivi a regalare il +3 (100-97) alla squadra di casa.
IL SORPASSO — I Raptors rispondono e la stoppata di Andrea Bargnani su Harrington produce il contropiede che Jack chiude con la conclusione che riporta avanti i canadesi a 50’’ dalla sirena. Un bel canestro dalla zona pitturata di Bosh poi regala a Toronto il 105-102 a 16”’ dalla fine. Lee riporta New York a meno uno e Jack fa un regalo ai Knicks fallendo uno dei due liberi, dopo il fallo di Danilo Gallinari. Sette secondi e due soli punti di ritardo per i padroni di casa. La palla va nelle mani di Harrington che però abbassa la testa e tenta un’improbabile penetrazione a difesa schierata, trovando soltanto lo sfondamento. Toronto così tira un sospiro di sollievo e porta a casa il match.
Simone Sandri

From the italian sport newspaper “La Gazzetta dello Sport”

Read here the complete article


Follow Marco Belinelli