Press

The Most Interesting Press Releases
January 11, 2010

La Gazzetta dello Sport – Raptors Vs Celtics

Beli in forma

Beli riscaldamento

TORONTO (Canada), 10 gennaio 2010
Incapace di fermare il collaudato attacco dei Celtics, Toronto cede per la terza volta su altrettante sfide contro Boston con il punteggio finale di 107-114. Malgrado la sconfitta, Andrea Bargnani continua a dare un solido contributo e chiude con 23 punti, mentre per Marco Belinelli c’è la soddisfazione di aver convinto Jay Triano a lasciarlo in campo nel finale di gara (affiancandolo a Jarrett Jack) tenendo in panchina Jose Calderon, comunque positivo nelle prime due gare dopo il lungo stop. Il bolognese chiude con 14 punti e il 50% dal campo, stessa percentuale di Bargnani.
Boston sorprende Toronto con 10-0 nei primi tre minuti. È DeRozan a segnare il primo canestro in azione dopo 5 errori consecutivi dei Raptors. Spinti da Chris Bosh i padroni di casa reagiscono e chiudono il primo quarto 26-29. Andrea Bargnani è impreciso all’inizio (2/6), ma la sua grande energia è utile alla squadra. Nel secondo quarto Belinelli esordisce con un facile canestro da sotto, prima di un errore dall’angolo. I Celtics restano al comando grazie alle triple di Eddie House e alla mano morbida di Wallace, mentre Toronto alterna errori banali a belle azioni di gioco in attacco. Turkoglu ha le gambe molli (un tiro da 4 metri non arriva nemmeno al ferro), e si rende utile solo quando passa la palla. Un suo assist trova Belinelli ancora solo in angolo che mette la tripla del 38-41. Boston segna anche canestri improbabili, come una tripla al tabellone di Rondo, o uno di House con Belinelli attaccato, e anche Ray Allen con perfetta difesa di Calderon. La difesa dei Celtics non è comunque inattaccabile e Calderon e Jack a turno vanno a concludere in layup indisturbati. Che sia colpa dell’orario pomeridiano o dell’assenza di Garnett, ma Boston si concede qualche pausa di troppo nel finale del primo tempo (50-59). Bosh guida Toronto con 19 punti e Rondo sfiora già la tripla doppia (9 punti, 6 rimbalzi e 9 assist).
I Raptors vengono quasi sfidati a tirare in avvio di ripresa e Bargnani mette una tripla dopo due errori. Ed è proprio il Mago insieme Bosh a sostenere l’attacco dei Raptors nel terzo quarto: Bargnani realizza 8 dei primi 12 punti e Bosh carica di falli Rasheed Wallace. Il ritmo del gioco è molto lento e Boston attacca con calma ed efficacia, trovando spesso impreparata la difesa avversaria e allungando a +15. I Raptors tornano a -7 e chiudono il quarto con una bella schiacciata di Bargnani che beffa Glen Davis, e un layup di Belinelli. Risponde Rondo con due layup e Boston è in pieno controllo (80-93) dopo il 12/18 della terza frazione. L’ultimo quarto inizia con 5 punti in 22” di Belinelli (tripla e canestro in slalom in contropiede) per il -8 Raptors che costringe Doc Rivers a chiamare time out. Rondo raggiunge la tripla doppia (18+10+13) con 7 minuti ancora da giocare e Boston riprende a far male in attacco con grande circolazione di palla per il +14. Un numero acrobatico di Belinelli (sottomano dando le spalle al canestro) dà il via a un’ottima reazione di Toronto, con il Mago appena rientrato per il finale che stoppa prima Rondo e poi Perkins. Jack segna in entrata e Bargnani replica da tre (97-104 a 4’15” dalla fine). I Raptors arrivano anche a -4, ma Boston non trema e chiude la pratica con grande sicurezza. Un brutto passaggio di Bargnani e un tiraccio di Turkoglu stoppato da Perkins nell’ultimo minuto aiutano i Celtics a portare a casa il successo numero 26 contro 9 sconfitte. Per Toronto il record torna in parità, 19-19.
Bargnani: 23 punti (4/9 da due, 4/7 da tre, 3/4 tl), 5 rimbalzi, 1 assist, 1 palla recuperata e 2 perse, 3 falli, 2 stoppate in 37’. 
Belinelli: 14 punti (4/7 da due, 2/5 da tre), 2 rimbalzi, 2 assist, 1 palla persa in 22’.
Toronto: Bosh 31 (9/17, 13/13 tl), Jack 15, Calderon 11. Rimbalzi: Bosh 13. Assist: Turkoglu 9. Boston: Wallace 29, Rondo 22, R. Allen 16, Pierce 16, Perkins 16. Rimbalzi: Rondo 10. Assist: Rondo 13.
Adriana Galimberti

From the italian sport newspaper “La Gazzetta dello Sport”

Read here the article


Tags:

Follow Marco Belinelli